Pagine

domenica 23 dicembre 2012

BUON NATALE


5 commenti:

  1. E’ difficile se non impossibile, a poche ore dalla festa più importante dell’anno – almeno per la parte del mondo in cui ci è toccato vivere – dire qualcosa che non sia banale, risaputa, consunta. Specie nel 2012, anno che ricorderemo tra i peggiori degli ultimi vent’anni, almeno dal punto di vista economico. In realtà, non sarà un giorno poi così diverso dagli altri: qualcuno nascerà, qualcun’altro morirà; ci sarà gente felice per niente, altra triste per un nonnulla. Come ieri, come domani. Eppure è un giorno che sembrerà diverso. Un giorno perfetto, come sospeso, in case immerse in un’aria di festa che a molti, quest’anno più del solito, sembra finta. Perché passato Natale la vita riprenderà, esattamente dove l’abbiamo lasciata; e quel giorno perfetto fatto di ingenuo candore, di pacchi e pacchetti, cenoni, ipocrisia, dolci, noia, auguri, sorrisi veri e falsi lascerà il posto al riemergere del tran tran quotidiano, che ci amareggia il cuore e spegne i nostri sogni. Ma se perdiamo i nostri sogni non ci rimarrà nulla. Questo sogno invece è possibile. Per vivere, non per sopravvivere. Sognare e lottare per un domani che non sarà mai perfetto ma sarà l'unico su cui potremo incamminarci. Insieme.

    D. V.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è il commento più ipocrita,sull'ipocrisia del Natale che abbia mai letto

      Elimina
  2. Com'è umana lei signora!

    &&

    RispondiElimina
  3. talmente umana che si firma con il nome di un altro

    RispondiElimina