Pagine

sabato 26 novembre 2011

GRONTORTO-Il sindaco diserta la cerimonia-CHE VERGOGNA!!!


Domenica, 20 Novembre 2011
    • GRONTORTO – novembre 2011
      C'ho pensato un po' su perché mi sembrava di essere solo una persona pettegola, ma poi ho capito che non si possono tacere certe cose, soprattutto nel 150° anniversario della nostra bella Italia. La sempre frizzante atmosfera della cena di sabato 5 c.m., anzi del rancio autogestito dalla sezione Combattenti e reduci di
      Grontorto, ha lamentato l'assenza di una figura che non passa inosservata: IL SINDACO! Il sindaco?! Già. Ma perché, ho chiesto? Il mio vicino di tavolo ha riso, un altro ha commentato “cusa se spetàet?”... ma intanto nessuno me l'ha spiegato! Poi una buonanima ha aperto la bocca (e dato sfogo a un sentimanto che racchiudava rabbia, risentimento e amarezza, quasi fosse un'offesa personale): visto che il presidente Bulfari non ha accolto la proposta del sindaco di ricordare i caduti di tutto il territorio comunale in un'unica cerimonia (non concordata, ovviamente, ma decisa e imposta)... l'esemplare primo cittadino ha deciso di disertare l'appuntamento grontortese con il pretesto che “alla cerimonia del 25 aprile non c'era quasi nessuno”. Ma la matematica non la conosce? Non riesce a fare la proporzione che 30 annicchesi corrispondono a 4 grontortesi? CHE VERGOGNA!!!
      Il nostro compianto fondatore della sezione, Ten. Col. Fulvio Mercantini, “el maèster”, ma soprattutto un amico, che tanto si era raccomandato anche in punto di morte per la sopravvivenza della nostra sezione e che riponeva tanta fiducia nelle istituzioni, non crederebbe possibile un fatto di questo tipo! Che esempio diamo ai nostri giovani? Che i primi a fregarsene dell'Italia e degli italiani son proprio quelli che dovrebbero insegnare ad amarla, a difenderla, a proteggerla. E' triste rendersi conto che chi ha scelto di prendere in mano le sorti un paese (e qualcuno ha creduto in lui e l'ha votato) è il primo a mostrare ingratitudine, irriverenza (con superbia ed arroganza) verso quella bandiera e quegli eroi che l'hanno onorata e servita, fino a dare la vita per la libertà del futuro... è evidente che qualcuno non l'ha capito (e non sa apprezzare questo diritto/dono che è costato sangue e vite umane).
      CHE DELUSIONE!!!
      Un grontortese, ovviamente, deluso


  • Nessun commento:

    Posta un commento